dav

CARPI. Sono decine, circa 50, i Comuni e i paesi – tra cui Bastiglia, Bomporto, Bondeno, Camposanto, Carpi, Cavezzo, Cento, Concordia, Crevalcore, Finale Emilia, Medolla, Mirandola, Modena, Novi di Modena, Ravarino, Sant’ Agata Bolognese, San Felice sul Panaro, San Giovanni in Persiceto, San Possidonio, San Prospero, Soliera, Terre del Reno e Vigarano Mainarda – che, sabato 19 maggio, saranno coinvolti nella settima edizione della Staffetta Terremoto Emilia, la manifestazione non competitiva che, realizzata da Atletica Cibeno in collaborazione con San Felice 1893 Banca Popolare, Lapam-Confartigianato, Tipografia Sogari e Radio Bruno, è inserita, quest’anno, all’interno del programma del Patrono di Carpi, realizzato con il patrocinio di Comune e Diocesi di Carpi.

dav

dav

Nata all’indomani del sisma che, nel 2012, ha così violentemente colpito i territori delle province di Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia, Bologna e Rovigo, l’iniziativa è aperta a tutti, a carattere non competitivo, e si propone l’obiettivo di non dimenticare quanto accaduto, attraverso il passaggio nei paesi colpiti dal terremoto.

Oltre a questo, il ricavato della Staffetta viene devoluto, ogni anno, a iniziative di carattere sportivo e, in questa occasione, andrà a vantaggio del Comune di Carpi per essere utilizzato a sostegno di iniziative sociali, che possano incentivare a praticare l’attività sportiva a coloro che ne sarebbero altrimenti impediti.

Le partenze delle 9 staffette avverranno anche da lontano e, come è sempre accaduto, i podisti potranno coprire tratti corrispondenti alle loro aspettative, brevi o lunghi, purché in compagnia, portando a turno la bandiera del paese di provenienza. L’invito del comitato organizzatore resta lo stesso: partecipare, non importa se poi la strada percorsa sia lunga o breve.

dav

Se le precedenti edizioni della Staffetta si sono concluse a Mirandola (nel 2012), poi a Finale, Novi di Modena, Bondeno, San Felice e Crevalcore, quest’anno la tappa finale spetterà a Carpi, con tutti i rappresentanti dei gruppi che si ritroveranno alle ore 18.30 circa in via Lago Maggiore, presso l’Atletica Cibeno, per poi confluire tutte in piazza Martiri. Tutti i cittadini sono invitati a partecipare, soprattutto in questo simbolico tratto finale.

Per partecipare è sufficiente recarsi nei vari punti di ritrovo sul territorio (consultabili sul sito internet della manifestazione) e percorrere la distanza desiderata: in particolare, i carpigiani potranno partire da Rovereto sul Secchia o Limidi.

“La nostra iniziativa è in piena sintonia con lo spirito del programma del Patrono di Carpi – spiega il Direttore sportivo dell’Atletica Cibeno Carlo Pederzani – perché messa in atto senza alcuno scopo di lucro, e concepita con l’intento di raccogliere fondi, oltre che tenere viva la memoria di quanto di terribile ci è accaduto, e che insieme siamo riusciti a superare. Ringraziamo tutti i partner e i territori per il fondamentale supporto fornito, e siamo sicuri che sarà un’occasione bellissima per ritrovarsi tutti nel cuore di Carpi.”

Alla Conferenza stampa di presentazione hanno partecipato tra gli altri il sindaco Alberto Belelli, Atletica Cibeno, Lapam e i rappresentanti di alcuni dei gruppi podistici del territorio che hanno preso parte all’organizzazione dell’Evento, assieme ai rappresnetanti della Festa del Patrono e dell’associazionismo carpigiano.